Nuovi progetti di ricerca – Tiltrotor

Un’ala rotante innovativa per il nuovo modello del tiltrotor di Leonardo, velivolo in grado di decollare in verticale come un elicottero per poi proseguire il volo come un aereo.

A realizzarla, a partire da gennaio 2018, sarà il consorzio T-Wing coordinato dal Cira e composto quasi totalmente da aziende e istituzioni italiane: Magnaghi Aeronautica, Salver, Officine Meccaniche Irpine, Università Federico II, Società di ingegneria SSM e la tedesca Ibk Innovation. Il progetto T-Wing ha battuto quello di tutti gli altri concorrenti e si è aggiudicato lo sviluppo dell’ala nell’ambito del programma europeo “Clean Sky 2 Fast Rotorcraft”, al quale ha aderito Leonardo. Un risultato importantissimo considerando che in questo campo le realtà italiane hanno spesso trovato molte difficoltà nell’essere coinvolte da protagoniste.

L’iniziativa Ue intende promuovere uno sviluppo tecnologico nel rispetto dell’ambiente e della salute umana e ha come principali obbiettivi la riduzione delle emissioni di Co2 e dell’inquinamento acustico. Per la piattaforma NextGenCTR (Next Generation of Civil Tiltrotor) all’interno del piano “Clean Sky 2”, sono stati stanziati 100 milioni di euro. I fondi sono stati accumulati grazie a una collaborazione tra pubblico e privato in cui la Commissione europea contribuisce con 50 milioni. Il progetto T-Wing vale globalmente 15,5 milioni di euro. Il gruppo Magnaghi ha messo sul piatto una quota di 9,2 milioni di cui circa il 70% finanziata da fondi europei.

Fonte: http://www.repubblica.it/economia/2017/10/14/news/tiltrotor_l_aereo_del_futuro_di_leonardo_all_insegna_del_made_in_italy_-178171551/